• erboristeria_02.jpg
  • erboristeria_03.jpg
  • erboristeria_06.jpg
  • erboristeria_05.jpg
  • erboristeria_01.jpg
  • erboristeria_04.jpg
  • Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l'ha già creata.
  • Cogli la rosa quando è il momento, che il tempo vola e lo stesso fiore che sboccia oggi, domani appassirà.
  • Tutta l'arte è imitazione della natura.
  • L'erbaccia è una pianta di cui non sono state ancora scoperte le virtù.
  • Il fiore si nasconde nell'erba, ma il vento sparge il suo profumo.
  • L'amore è un bellissimo fiore, ma bisogna avere il coraggio di coglierlo sull'orlo di un precipizio.

Biancospino in capsule

13,00 €
Vasetto

Produttore: Impero Natura
Descrizione

50 opercoli da 400 mg

Ingredienti

Polvere micronizzata di Biancospino, fiore e foglie.

Effetti del biancospino

Tre effetti devono essere distinti nel caso del biancospino:

* miglioramento della circolazione coronarica.

Diversamente dalla digitale e dai digitaloidi, che agiscono sulla sostanza contrattile delle cellule miocardiche, l'azione del biancospino si estende alle altre parti del muscolo cardiaco, che sono in gioco più per il trofismo, per le riserve di energia, e per la spesa di energia. In particolare, si tratta di un positivo effetto sulla concentrazione di calcio intracellulare. Con ciò si spiega anche come mai dal biancospino non ci si debba attendere un rapido innalzamento dell'energia cardiaca immediatamente dopo la somministrazione, bensì un influsso persistente sulle alterazioni degenerative legate all'età del cuore. Analogo discorso vale per il miglioramento dell'irrorazione delle coronarie, che con la somministrazione prolungata si manifesta prima, ma poi persiste a lungo. I due effetti si completano a vicenda. Pertanto il biancospino non è né un mezzo per trattare un attacco di angina pectoris, per cui la nitroglicerina rimane sempre indispensabile, né un mezzo per il rapido superamento di uno scompenso cardiaco; ciò deve essere sempre sottolineato per avere sempre presente la differenza con digitale e digitaloidi e assegnare al biancospino il posto del trattamento di lunga durata delle coronaropatie. dove esso trova la sua collocazione più congeniale.

* II biancospino non ha un'azione antiipertensiva.

* Disturbi ritmici del cuore

Il biancospino viene utilizzato in caso di: extrasistoli di genesi diversa, tachicardia parossistica e altri attacchi di tachicardia, meno invece nelle tachiaritmie. Si prescrive il biancospino principalmente nei disturbi ritmici del cuore senile, ma solo allorché essi causano disturbi soggettivi. Si riuscirà più rapidamente a superare una fase di intensificazione di questi poco rilevanti disturbi ritmici, massimamente nei casi di temporanea intensificazione di extrasistoli. Il vantaggio del biancospino, come nel caso della Convallaria, sta nel fatto che lo si può dare senza preoccupazione nelle così frequenti bradicardie del cuore senile.

Campi di applicazione

Il principale campo di impiego del biancospino sono dunque le cardiopatie degenerative odierne, nelle loro varie forme. Ne fanno parte la sclerosi delle coronarie, l'angina pectoris e in misura non inferiore tutte quelle condizioni che non si impongono come effettivamente patologiche, in cui però è già presente una moderata riduzione dell'efficienza per ragioni di età. In questi casi si può, per la stessa natura della situazione, prendere in considerazione solo un impiego terapeutico prolungato nel tempo. Le cardiopatie degenerative esigono un trattamento assolutamente di lungo periodo.

Modo d'uso

Assumere 2 capsule la mattina dopo colazione e 2 la sera prima di coricarsi.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.

spedizioni spedizione-gratuita prodotti-erboristici

loghi-banner

marchietti